Superbonus

 

La nostra guida

Superbonus
Lavori di Risparmio Energetico e Antisismici


Pubblicato: 26/01/2023

La nostra breve guida esplicativa delle nuove agevolazioni

L’agevolazione fiscale conosciuta come Superbonus ha innalzato (inizialmente) al 110% la percentuale di detrazione per le spese sostenute sugli edifici per interventi di:

  • riqualificazione energetica (con abbassamento di almeno due classi);
  • riduzione del rischio sismico.

Gli elementi relativi alla disciplina sulla maxi-detrazione hanno subito importanti e sostanziali modifiche.
Proviamo a vedere i punti principali, confrontando la normativa valida negli anni precedente con quella attuale.


Qual è la normativa di riferimento e quali modifiche sono intervenute?

Il Decreto legge n. 34 del 19 maggio 2020 (convertito in Legge n. 77 il 17 luglio 2020) - il cosiddetto Decreto Rilancio - con le modifiche introdotte dalla Legge di Bilancio 2021 (Legge 178/2020) ha incrementato al 110% la percentuale di detrazione per le spese sostenute inizialmente dal 1° luglio 2020 al 30 giugno 2022 (solo per i condomìni che al 30 giugno 2022 avevano concluso almeno il 60% dei lavori il termine era stato prorogato fino al 31 dicembre 2022) per interventi sugli edifici di: riqualificazione energetica (con abbassamento di almeno due classi) o riduzione del rischio sismico.

La Legge di Bilancio 2022 n. 234 del 30 dicembre 2021 ha poi prorogato questa opportunità ridefinendo però le tempistiche e le modalità di accesso.

L’agevolazione è stata prorogata fino il 31 dicembre 2025, con un calo progressivo della percentuale di recupero delle spese: 110% per quelle sostenute entro il 31 dicembre 2023, 70% per quelle sostenute nell’anno 2024 e 65% per quelle sostenute nell’anno 2025

Per gli edifici unifamiliari la maxi-agevolazione del 110% spettava invece per: le spese sostenute entro il 31 dicembre 2022 con la condizione è che fossero stati effettuati lavori per almeno il 30% dell’intervento complessivo al 30 giugno 2022.
Il Decreto Aiuti (D.L. n. 50 del 17 maggio 2022) convertito in Legge n. 91 il 15 luglio 2022 ha poi prorogato al 30 settembre 2022 questa scadenza.
Il Decreto Omnibus (D.L. n. 104, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 186 del 10 agosto 2023) ha ulteriormente posticipato il termine al 31 dicembre 2023, mantenendo tutte le altre condizioni.

Il Decreto Aiuti quater (DL n. 176 del 18 novembre 2022) convertito in Legge n. 6 il 13 gennaio 2023, e la legge di Bilancio 2023 n. 197 del 29 dicembre 2022 hanno introdotto altre modifiche e alcune novità.
Il Decreto blocca cessioni (DL n. 11 del 16 febbraio 2023) convertito con modifiche in Legge n. 38 del 11 aprile 2023, è intervenuto sulla cessione del credito e su alcune scadenze. Guarda qui le novità 

Attualmente la possibilità di recupero del 110% diventa possibile fino al 31 dicembre 2022. Dal 1° gennaio 2023 si riduce al 90% (anticipando di un anno la precedente scadenza).

L'applicazione dell’agevolazione nella misura del 110% per il 2023 è confermata solo per alcuni specifici interventi e in presenza di determinati requisiti temporali:

  • per quelli diversi da quelli condominiali (esempio: edificio composto da più unità immobiliari detenute da un unico proprietario), per i quali è stata presentata la CILAS (Certificazione di Inizio Lavori Asseverata Superbonus) entro il 25 novembre 2022;
  • per i condomini che hanno deliberato, entro il 18 novembre 2022, l’inizio dei lavori e che hanno presentato la CILAS entro il 31 dicembre 2022;
  • per quelli effettuati dai condomini, per i quali l’approvazione dei lavori è stata deliberata in assemblea tra il 19 novembre e il 24 novembre 2022 e la CILAS è stata presentata entro il 25 novembre 2022;
  • per la demolizione e la ristrutturazione di edifici per i quali è stata presentata, entro il 31 dicembre 2022, istanza per acquisizione del titolo abitativo.

Per gli edifici unifamiliari viene prorogata la possibilità di conclusione dei lavori entro il 31 dicembre 2023, se effettuato il 30% dell’intervento entro il 30 settembre 2022, mantenendo l'aliquota del 110%.

Per questi immobili l'agevolazione è prorogata per tutto il 2023 ma la percentuale scende al 90%.
Bisogna però rispettare determinate condizioni:

  • il contribuente sia titolare di diritto di proprietà o di diritto reale di godimento sull’unità immobiliare;
  • la stessa unità immobiliare sia adibita ad abitazione principale;
  • il contribuente abbia un reddito di riferimento non superiore a 15.000 euro.

Tale reddito di riferimento, potrà essere maggiore in base al quoziente familiare applicabile a seconda del numero di componenti della famiglia.
 

Su quali immobili può essere applicato il Superbonus?

L’agevolazione permette il recupero del 110% - o di altra percentuale a scalare negli anni - della spesa sostenuta per la realizzazione di determinati lavori fino a capienza d’imposta (ossia fino al massimo di Irpef pagata nell’anno di riferimento della spesa). Per rendere più chiara la portata di questa misura, se si sostiene, per esempio, una spesa di 10.000 euro si possono recuperare 11.000 euro!

In alternativa, ad esempio in caso di incapienza d’imposta, si può optare per la cessione del credito o per lo sconto in fattura (se applicato da chi vende i materiali o da chi esegue i lavori). Lo sconto in fattura e la cessione del credito, non sono più possibili dal 17 febbraio 2023, con alcune eccezioni.

Le agevolazioni fiscali possono essere richieste per interventi su:
  • parti comuni di edificio condominiale
  • singole unità immobiliari possedute da persone fisiche al di fuori dell’esercizio dell’attività d’impresa, arti o professioni
  • edifici unifamiliari o singole unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari che siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall’esterno
Sono esclusi gli immobili di categoria catastale: A1, A8, A10.


Su quanti immobili si può far valere l’agevolazione?

Il numero di unità immobiliari che possono usufruire dell'agevolazione dipende dal tipo di lavori e ha subito modifiche a seguito degli interventi legislativi.
  • Per l’Ecobonus vengono agevolate al massimo 2 unità immobiliari possedute dalla stessa persona fisica (per gli edifici unifamiliari l'agevolazione, ammessa solo fino al 2023, può riguardare solo l'abitazione principale).
  • Per il Sismabonus non vi è limite al numero di immobili.

Per i lavori sulle parti comuni degli edifici (condomini) non vi è limite di unità immobiliari.


Quali sono le aliquote attuali dell'agevolazione?

In base alla normativa vigente si può recuperare il:

  • 110% delle spese sostenute entro il 31 dicembre 2022;
  • 90% delle spese sostenute nell’anno 2023;
  • 70% delle spese sostenute nell’anno 2024;
  • 65% delle spese sostenute nell’anno 2025.


Per gli edifici unifamiliari l’agevolazione del 110% spetta per:

  • le spese sostenute entro il 31 dicembre 2023.

La condizione è che siano stati effettuati lavori per almeno il 30% dell’intervento complessivo al 30 settembre 2022.
Nel caso in cui non si riesca a soddisfare tale condizione, non sarà più possibile accedere alla maxi-detrazione.
Per il 2023, l’agevolazione è confermata al 90%, rispettando i requisiti descritti in precedenza.

Dal 2024 non sarà più applicabile il Superbonus agli edifici unifamiliari.


Quali sono gli interventi ammessi all'agevolazione?

I lavori che permettono l'agevolazione si dividono in due categorie:
  • lavori trainanti;
  • lavori trainati, che godono della medesima detrazione, solo se sono eseguiti congiuntamente con almeno uno della prima tipologia.
La Legge di Bilancio 2022, con l’inserimento del nuovo comma 8 quater, nell’art. 119, Decreto legge n. 34/2020, allinea i termini del Superbonus tra interventi trainanti e interventi trainati ad essi collegati, tenendo conto per entrambe le tipologie della riduzione progressiva dell’aliquota come indicata dal comma 8 bis dell’art. 119 (estensione massima fino al 31 dicembre 2025). La normativa successiva ha confermato questa disposizione.

Inoltre, si estende l’applicazione della disciplina - in origine prevista per i condomini – anche alle persone fisiche che effettuano degli interventi su singole unità.

Lavori trainanti
 
  • Interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali e orizzontali e inclinate che interessano l’involucro dell’edificio (cappotto termico). Per quest’ultimo in particolare, quando viene realizzato sull’intero immobile è possibile usufruire dell’agevolazione anche per gli interventi effettuati sui singoli appartamenti.
    • € 50.000 per gli immobili unifamiliari
    • € 40.000 per gli edifici composti da due a otto unità
    • € 30.000 per gli edifici composti da più di otto unità immobiliari
 
  • Interventi sulle parti comuni degli edifici per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento (caldaia).
    • € 20.000 per gli edifici composti da due a otto unità
    • € 15.000 per gli edifici composti oltre le otto unità immobiliari
 
  • Interventi sugli edifici unifamiliari e plurifamiliari con accessi autonomi e indipendenti, per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti.
    • € 30.000 
 
  • Interventi di adozione di misure antisismiche. In questi casi vengono previsti dei limiti di spesa per ciascun tipo di intervento.

Lavori trainati per risparmio energetico
 
  • Interventi per i quali è riconosciuto attualmente l’Ecobonus (sostituzione di serramenti e infissi, installazione di schermature solari, installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda etc.). In questi casi vengono previsti dei limiti di spesa per ciascun intervento.
     
  • Installazione di impianti fotovoltaici e installazione contestuale o successiva di sistemi di accumulo integrati negli impianti solari.
    • € 48.000 nel limite di spesa di € 2.400 per ogni kW di potenza nominale dell’impianto
 
  • Installazione di colonnine di ricarica per i veicoli elettrici in infrastrutture dotate di uno o più punti di ricarica (limite di spesa è annuale e per ciascun intervento di acquisto e di posa in opera delle infrastrutture di ricarica).
    • € 2.000 per gli edifici unifamiliari o per unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari
    • €1.500 per edifici plurifamiliari o i condomini che installano un massimo di 8 colonnine
    • €1.200 per gli edifici plurifamiliari o condomini che installano un numero superiore a 8 colonnine
       
Barriere architettoniche

Gli interventi per l’eliminazione delle barriere architettoniche godono della detrazione al 110% se considerati trainati.
Al di fuori di questa ipotesi, è possibile applicazione di una percentuale pari al 75%. Si tratta di una nuova detrazione introdotta per le spese sostenute dal 2022 e fino ad un importo massimo - variabile da € 30.000 a € 50.000 - a seconda dell’edificio su cui sono eseguiti i lavori.

Lavori trainati per interventi antisismici
 
  • Installazione di impianti fotovoltaici e installazione contestuale o successiva di sistemi di accumulo integrati negli impianti solari,
    • €48.000
Il comma 8 ter dell’art. 119, introdotto dalla Legge di Bilancio 2022, estende fino al 31 dicembre 2025 la maxi detrazione con l'aliquota massima del 110% - senza la progressiva diminuzione - in caso di interventi effettuati nei territori colpiti da sisma (a partire dal 1° aprile 2009 e con dichiarazione di stato di emergenza) ed estende, inoltre, al 31 dicembre 2025, la possibilità di raddoppiare i limiti di spesa (maggiorazione del 50% - comma 1 ter, importo eccedente - 4 ter e 4 quarter dell’art. 119 del Decreto legge 34/2020).

 
Come beneficiare dell’agevolazione?
 
  • In detrazione nel Modello 730 (o Modello Redditi) in 5 quote annuali di importo o in 4 rate per le spese sostenute dal 2022.
    Per le sole spese del 110% del 2022 è possibile recuperare in dieci anni, anziché in quattro, la detrazione in dichiarazione dei redditi. Questo per avere più possibilità di recuperare totalmente nel 730 un importo così alto come quello generato dal Superbonus. L’opzione per l'allungamento è irrevocabile e dovrà essere esercitata nella dichiarazione 2024 (chi indica la rata già nel 2023 perde la possibilità). Di contro, chi si avvale di questa opzione, posticipa la prima rata di recupero al 2024.
     
  • Sconto in fattura operato dall’impresa che ha eseguito i lavori. In questo modo non si pagherà nulla al fornitore per l’esecuzione dei lavori, perché verrà applicato uno sconto in fattura pari al 100% del corrispettivo dovuto per i lavori.
     
  • Cessione del credito permette di trasferire il beneficio fiscale ad un soggetto terzo quale ad esempio:
    • il fornitore che hanno messo in opera gli interventi
    • istituto di credito e intermediari finanziari
    • altri soggetti come ad esempio persone fisiche, titolari di lavoro autonomo e d’impresa, società ed enti
Attenzione! Lo sconto in fattura e la cessione del credito, non sono più possibili dal 17 febbraio 2023, con alcune eccezioni.
 
Per gli interventi di superamento ed eliminazione delle barriere architettoniche in edifici già esistenti, è possibile la trasmissione della comunicazione dell'opzione (cessione del credito o sconto in fattura) per le spese sostenute dal 2022.
 
​​​​​
Chi può usufruire del Superbonus?

L'agevolazione è riconosciuta per le seguenti tipologie di contribuenti:
 
  • I condomìni
  • Le persone fisiche al di fuori dell’esercizio dell’attività impresa, arti e professioni (i titolari di redditi d’impresa beneficiano dello sgravio solo per l’eventuale partecipazione alle spese di interventi trainanti effettuate dal condominio sulle parti comuni)
  • Gli Istituti autonomi di casa popolari (IACP)
  • Le cooperative di abilitazione a proprietà indivisa. La detrazione spetta per interventi realizzati su immobili da esse posseduti ed assegnate in uso ai propri soci
  • Le ONLUS e le organizzazioni di volontariato (OdV, AVS)
  • Le associazioni e società sportive dilettantistiche (ASD, ASS), solamente per lavori su immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi, con il termine fissato fino al 30 giugno 2022 (questi soggetti non sono menzionati nella Legge di Bilancio)
Attenzione!
La detrazione è attribuita solo ai contribuenti che possiedono o detengono l’immobile oggetto di intervento al momento dell’avvio dei lavori o al momento del pagamento delle spese. Nello specifico il beneficio spetta al:
 
  • Proprietario, nudo proprietario o detentore di altro diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione, superficie) o al familiare convivente del proprietario dell’immobile, se ha sostenuto la spesa;
  • Detentore dell’immobile in base ad un contratto di locazione o comodato d’uso regolarmente registrati.
Come indicato in precedenza, ci sono limitazioni per i lavori effettuati nel 2023 sulle unità unifamiliari.
 

Adempimenti

 
  • Asseverazione del tecnico incaricato in cui si certifichi il raggiungimento dell’efficienza energetica/sismica preventivata ad inizio lavori, il rispetto del massimale di costo ammesso per ciascun intervento, l’utilizzo dei materiali corretti ed ecologici
  • Visto di conformità da apporre sulla documentazione per attestare la corretta e la sussistenza dei presupposti che danno diritto al Superbonus


Assocaaf è autorizzato all’apposizione del visto di conformità e all'invio della comunicazione all'Agenzia delle Entrate.

Abbiamo studiato un servizio per privati e amministratori di condominio! Per saperne di più, clicca qui!
Contattaci allo 02.58436896 oppure scrivici un'e-mail a superbonus@assocaaf.it
I nostri professionisti sono sempre a tua disposizione per fornirti questo servizio o semplicemente per offrirti una consulenza preliminare.
 

  • Se vuoi andare alla nostra sezione tematica sul Superbonus clicca qui
  • Per scaricare la normativa sul Superbonus clicca qui
 
Ultimo aggiornamento: 10:00, 28 Aug 23


Ultime novità

27/09/2023 Devi modificare o integrare il 730 inviato?
Guarda il nostro video esplicativo!
26/07/2023 Assocaaf risponde: Controllo preventivo del 730 dall'Agenzia delle Entrate
L'Agenzia delle Entrate può bloccare la liquidazione del 730 per...
13/07/2023 Assocaaf risponde: detrazioni per gli inquilini con contratto di locazione
L’agevolazione prevista per alloggi adibiti ad abitazione principale
22/05/2023 Assocaaf risponde: documentazione spese mediche precompilata
Novità sui documenti da presentare al CAF per il 730
06/04/2023 Blocco sconto in fattura e cessione del credito
Le novità 2023 sulla cessione del credito e lo sconto in fattura
23/03/2023 Assocaaf - Altroconsumo 2023
Rinnovata per il 2023 la convenzione tra Assocaaf e Altroconsumo: i...
28/02/2023 Assocaaf - Aldai
Rinnovata per il 2023 la convenzione tra Assocaaf e Aldai -...
30/01/2023 Customer Satisfaction 2022
Condividiamo con tutti i nostri clienti i risultati della survey 2022
26/01/2023 Superbonus
Lavori Ecobonus e Sismabonus
Il nostro approfondimento sui lavori che danno diritto al Superbonus
24/01/2023 Le novità sui bonus 2023
La Legge di Bilancio ha introdotto delle novità in materia di bonus...
24/01/2023 Assocaaf risponde: Bonus mutuo giovani
Bonus ai giovani under 36 per l'acquisto della prima casa
13/12/2022 Assocaaf risponde: Come fare per rinunciare ai rimborsi fiscali del de cuius
Gli eredi possono rinunciare ai rimborsi spettanti al contribuente...
22/11/2022 Assocaaf risponde: Le novità del Decreto Aiuti quater in materia di Superbonus
La normativa introduce una sostanziale modifica agli incentivi per...
25/10/2022 Unioncaf si occupa delle richieste di cambio di residenza per il Comune di Torino
Sottoscritta la convenzione con l'ente locale per effettuare la...
21/10/2022 La dichiarazione dei redditi per il de cuius
Gli adempimenti fiscali in capo agli eredi e le scadenze
18/10/2022 Assocaaf risponde: Ritorna l'esenzione IMU per i coniugi con residenza diversa
La Corte costituzionale ristabilisce la doppia esenzione e dichiara...
07/10/2022 Assocaaf risponde: Agevolazioni a supporto della mobilità sostenibile
Credito d’imposta o buoni per sostenere i tuoi spostamenti in città...
13/09/2022 Assocaaf risponde: Superbonus per edifici di interesse culturale e paesaggistico
Maxi-detrazione 110% per l’immobile in condominio tutelato dal...
06/09/2022 Assocaaf risponde: Comunicazione ENEA anche per sconto in fattura o cessione del credito
La trasmissione è obbligatoria per poter ottenere le agevolazioni...
03/08/2022 Assocaaf risponde: Le vecchie ristrutturazioni quando si diventa proprietari di un immobile
Gli interventi di ristrutturazione: cosa accade quando si...
07/06/2022 Assocaaf risponde: Detrazioni spese sanitarie per i pensionati
I pensionati con cassa sanitaria potrebbero avere la possibilità di...
31/05/2022 Assocaaf risponde: Obbligo di tracciabilità dei pagamenti
Anche quest’anno confermato il requisito della tracciabilità delle...
25/05/2022 Assocaaf risponde: Chi deve presentare la dichiarazione dei redditi
Più redditi da lavoro: l’obbligo di presentare il 730 o il Modello...
24/05/2022 Assocaaf risponde: Esenzione IMU coniugi con residenze diverse
I coniugi con residenza in due differenti immobili possono ottenere...
11/03/2022 Unioncaf entra nel gruppo Assocaaf
L'entrata di Unioncaf nel Gruppo Assocaaf consolida l’asse...
13/01/2022 Assegno unico per i lavoratori autonomi
Hanno diritto a percepire questo beneficio economico anche le...
14/10/2021 Assocaaf Monza cambia sede
Dal 18 ottobre i nostri uffici Assocaaf di Monza si spostano presso...
28/06/2021 Assocaaf Risponde: Agevolazioni fiscali per il riscatto degli anni di laurea
Riscatto degli anni di laurea: le agevolazioni fiscali e previdenziali
22/06/2021 Assocaaf Risponde: La detraibilità dei dispositivi medici
Le condizioni per la detraibilità dei dispositivi medici
15/06/2021 Assocaaf Risponde: Spese mediche per persone disabili
Spese mediche e di assistenza specifica per persone con disabilità
08/06/2021 Assocaaf Risponde: Detraibilità canoni di locazione per studenti universitari fuori sede
Sono detraibili i canoni di locazione sostenuti da studenti...
18/05/2021 Assocaaf Risponde: I risvolti fiscali dell'assegno di mantenimento all'ex coniuge
L'assegno di mantenimento versato all'ex coniuge: duplici i...
12/05/2021 Assocaaf risponde: 730 2021 obbligatorio per chi ha percepito la cassa integrazione Inps
Coloro che nel 2020 hanno percepito redditi integrativi dall'Inps a...
31/03/2021 Assocaaf per la ricerca scientifica di Humanitas
Sosteniamo con Humanitas la salute delle donne e promuoviamo la...
16/03/2021 Assocaaf - Aldai
Rinnovata per il 2021 la convenzione

Customer satisfaction 2023

Condividiamo con i nostri clienti i risultati della Survey 2023

Assegno unico e universale

La domanda va presentata all’INPS la prima volta che si fa richiesta o in caso di variazioni

Assocaaf risponde: Comunicazione ENEA tardiva

Comunicazione ENEA mancante: come accedere alle agevolazioni previste per ristrutturazione e risparmio energetico

Scadenze fiscali

il nostro mondo a vostra disposizione

Blocco_preventivo_rimborso_730_Assocaaf_risponde_46.jpg

Notizie Fiscali

Assocaaf risponde: Controllo preventivo del 730 dall'Agenzia delle Entrate

L'Agenzia delle Entrate può bloccare la liquidazione del 730 per effettuare alcuni controlli preventivi

Ecco perché può avvenire e come comportarsi

730_modifica_6.png

Area Live

Devi modificare o integrare il 730 inviato?

Guarda il nostro video esplicativo!

Spese_sanitarie_precompilata.png

Notizie Fiscali

Assocaaf risponde: documentazione spese mediche precompilata

Novità sui documenti da presentare al CAF per il 730

Detrazione spese mediche e farmaci nel Modello 730: quando puoi non presentare i giustificativi di spesa

header_novita_bonus_2023_sito.jpg

Focus

Le novità sui bonus 2023

La Legge di Bilancio ha introdotto delle novità in materia di bonus ristrutturazioni e bonus mutuo giovani

Prorogati i benefici economici per la casa e gli under36

Superbonus_ecobonu_e_sismabonus.jpg

Focus

Superbonus
Lavori Ecobonus e Sismabonus


Il nostro approfondimento sui lavori che danno diritto al Superbonus

Tutto sul Superbonus La normativa, le condizioni, i lavori agevolabili, il recupero nel 730 e la cessione del credito

_convenzione_altroconsumo_v12.jpg

Partnership

Assocaaf - Altroconsumo 2023

Rinnovata per il 2023 la convenzione tra Assocaaf e Altroconsumo: i migliori servizi fiscali a disposizione dei soci.

L'accordo garantisce ai soci Altroconsumo condizioni esclusive per i servizi Assocaaf

Blocco_cessione_2023.jpg

Focus

Blocco sconto in fattura e cessione del credito

Le novità 2023 sulla cessione del credito e lo sconto in fattura

Le variazioni introdotte dalla conversione del decreto blocca cessione

Assocaaf_e_Aldai.jpg

Partnership

Assocaaf - Aldai

Rinnovata per il 2023 la convenzione tra Assocaaf e Aldai - Associazione Lombarda Dirigenti Aziende Industriali

L'accordo garantisce ai soci Aldai condizioni esclusive e tariffe dedicate per i servizi Assocaaf

Dichiarazione_dei_redditi_per_conto_della_persona_deceduta_Assocaaf.jpg

Focus

La dichiarazione dei redditi per il de cuius

Gli adempimenti fiscali in capo agli eredi e le scadenze

Per le persone decedute dopo il 30 settembre 2022 è possibile presentare solo il Modello Redditi

Assocaaf_risponde_comunicazione_per_il_rifiuto_dei_rimborsi_fiscali_del_de_cuius_.jpg

Notizie Fiscali

Assocaaf risponde: Come fare per rinunciare ai rimborsi fiscali del de cuius

Gli eredi possono rinunciare ai rimborsi spettanti al contribuente deceduto

Invio della comunicazione all’Agenzia delle Entrate a partire dal 17 ottobre 2022

Customer_Satisfaction_2022_header.jpg

Focus

Customer Satisfaction 2022

Condividiamo con tutti i nostri clienti i risultati della survey 2022

Abbiamo pubblicato i dati relativi alla soddisfazione delle nostre aziende clienti per il 730 2022

Assegno_Unico_per_autonomi_Header_sito_Assocaaf.jpg

Focus

Assegno unico per i lavoratori autonomi

Hanno diritto a percepire questo beneficio economico anche le categorie diverse dal lavoratore dipendente

Per chi ne ha già fruito nel 2022, l’erogazione dell’assegno è automatica in assenza di variazioni

Tra i nostri clienti

Tra i nostri clienti

CONTATTI
ASSOCAAF Spa

Piazza Diaz 6 - Scala A - 5° piano
20123 Milano

+39 02.58436896 (telefono)
+39 02.58307772 (fax)
Email info@assocaaf.it

Partita Iva 10896040150
CF 01154010399
REA Camera di Commercio n.1416776
CCIAA Milano n.334339
CAP.SOC. € 166.000,12 i.v.